CCNL Vigilanza Privata

18 Gennaio 2017 21:51Visto da: 469

CCNL VIGILANZA PRIVATA: IN ATTESA DEL RINNOVO, DISCUTIAMO DI INTENTI

Si è svolto il primo incontro per affrontare la fase di rinnovo del CCNL della Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari, al cui tavolo era presente la delegazione della UGL Sicurezza Civile con il Segretario Nazionale Enrico Doddi e il Presidente dell’Ente Bilaterale Nazionale della Sicurezza Privata (EBINASP), Dott. Luca Pizzigoni da una parte, e l’Associazione di Categoria ASSIV in persona della Dott.ssa Maria Cristina Urbano oltre una delegazione di Rappresentanti di vari Istituti di Vigilanza.

Ha aperto i lavori la Dott.ssa Urbano, la quale ha espresso al tavolo soddisfazione per i contenuti della piattaforma presentata dalla UGL Sicurezza Civile, definita “innovativa e piena di contenuti interessanti e condivisibile”, in virtù della profonda crisi in cui versa il Settore della Vigilanza Privata.
Da parte di ASSIV, è stato legittimato il ruolo forte e significativo che in questi anni ha assunto la UGL Sicurezza Civile, la quale sta dimostrando con numeri importanti, una radicalizzazione importante nella quasi totalità delle Imprese di categoria. Un apprezzabile riconoscimento è arrivato anche per la costituzione dell’Ente Bilaterale EBINASP.

Il Segretario Nazionale Enrico Doddi, ha ringraziato ASSIV per la presenza al tavolo, “volta sicuramente alla discussione della piattaforma della UGL Sicurezza Civile”, e nell’entrare nel merito di due tavoli di confronto, ha espresso forti perplessità relative ai contenuti della piattaforma presentate dalle altre OO.SS.
“E’ sicuramente un momento importante e contemporaneamente drammatico per il comparto della Vigilanza Privata, e di questo se ne è tenuto conto nella stesura della piattaforma presentata, ciò non toglie che abbiamo il dovere di colmare le lacune esistenti nel vigente CCNL, e questo nell’interesse di tutte le Parti sedute al tavolo. Non abbiamo inteso, in questa prima fase di dialogo, avanzare importi economici, perché, per non cadere nel qualunquismo, non intendiamo creare illusioni alle migliaia di Guardie Particolari Giurate, che comunque attendono un minimo ma significativo aumento della parte economica. Giocare al “rilancio” sarebbe stato troppo facile ma allo stesso tempo dequalificante.”

Dal canto suo ASSIV, nel ribadire che esiste una crepa preoccupante nel Settore, dovuto ad un tentativo di fuga dall’attuale CCNL con l’applicazione di altri contratti sottoscritti da Organizzazioni Sindacali prive di rappresentatività, ribadisce come l’intento comune per tutte le componenti oggi assenti al tavolo, dovrebbe essere quello di rivisitare insieme un percorso che dovrebbe essere unitario al fine di consentire una manovra più fluida per il rinnovo del CCNL. Al fine di intraprendere questa mozione, è estesa anche alla UGL Sicurezza Civile la medesima sollecitazione.
“Importante, afferma Il Segretario Nazionale Doddi, sarà rivedere anche l’impianto della parte normativa, che potrebbe fare recuperare importanti risorse economiche da distribuire ai lavoratori.
Evidente, prosegue Doddi nella sua analisi, affrontare anche il tema legato al continuo e imperterrito ricorso al dumping, che di fatto penalizza le Aziende rispettose della contrattazione nazionale e di secondo livello.”
Ampiamente condiviso anche ASSIV, quanto esposto dalla UGL Sicurezza Civile.

La seduta si è conclusa rimandando all’apertura di un tavolo tecnico, per affrontare i contenuti della piattaforma presentata dalla nostra Organizzazione Sindacale.

La Segreteria Nazionale

Tags:
shared on wplocker.com