Securpol, incontro UGL/Ministero dell’Interno

27 Giugno 2017 20:40Visto da: 134

IL MINISTERO RICEVE UGL PER VICENDA SECURPOL

Come già anticipato nei giorni trascorsi, stamane il Ministero dell’Interno ha ricevuto le organizzazioni sindacali. Ministero dell’Interno rappresentato dal Dottor De Rosa, il Dottor Acunzo e la Dottoressa Cerreto, l’Ugl Sicurezza Civile erano, invece, rappresentata da Giovan Giuseppe Festa e Adis Antonellini.
Inizia il Dottor De Rosa affermando: “Sono in contatto col Prefetto di Arezzo, precedentemente vicaria a Roma, che sta già seguendo le vicende della Securpol. La Prefettura competente non ha ancora ricevuto alcun provvedimento dalla Procura di Roma e, di conseguenza, è impossibilitata nell’adottare alcun provvedimento. Essendo stato arrestato il titolare di licenza, nel momento in cui la Prefettura riceve il provvedimento, si dovrà adottare la sospensione della licenza. Ovviamente si sta lavorando perché il tribunale garantisca la continuità dell’attività dell’istituto di vigilanza proprio per tutelare i livelli occupazionali, quindi il Prefetto è in contatto con la Procura di Roma e Civitavecchia e sta seguendo la vicenda come la sta seguendo il Ministero dell’Interno. In questi casi, il tribunale nomina sempre un procuratore per garantire appunto che l’attività del istituto di vigilanza continui, ma tutto ciò verrà garantito solo dopo l’arrivo del provvedimento, perché il procuratore si intesterà la licenza quindi i lavori andranno avanti e i dipendenti non si troveranno in mezzo ad una strada”.
Successivamente si dà la parola alle organizzazioni sindacali che rilevano immediatamente un paradosso: in attesa della decisione della Procura si perdono tanti posti di lavoro e soprattutto le committenze pubbliche. Si richiede che la Prefettura vigili sugli appalti in essere e garantisca, con i cambi di appalto, l’assunzione del personale Securpol.
Le OO.SS. esprimono massima preoccupazione per i livelli occupazionali poiché è stato ricordato che, prima che venisse investito l’istituto nelle vicende giudiziarie, si stava richiedendo il concordato preventivo e che il futuro commissario che verrà nominato potrebbe ritrovarsi senza liquidità che possa garantire la continuità.
Il Dottor De Rosa, al termine dell’incontro, garantisce l’invio di una relazione a tutte le prefetture riguardante le problematiche esposte dalle organizzazioni sindacali.

Tags:
shared on wplocker.com