Diritto e Lavoro

Nozioni di Diritto primario

Nelle more del DM 269/10, è dato per assunto che la GPG sia a conoscenza delle nozioni di diritto penale e sui regolamenti di esecuzione del TULPS.Gli IVP sono tenuti a formare le risorse applicate nei vari servizi, come anche per i rischi correlati alla sicurezza sul lavoro.
Le GPG oggi, e ancora di più in futuro, sono chiamate ad essere pronte nel recepire i concetti di cui si vuole parlare, ma che in attesa dei lavori presso la commissione consultiva centrale per la riforma dell’art. 134 del TULPS, hanno ancora margini di incertezza.
Ad oggi, urge dare il seguente chiarimento:

  • Perquisizione: è fatto divieto alle gpg in qualsiasi forma, di effettuare controlli alla persona ed ai loro effetti quali borse e zaini, se non dietro utilizzo di dispositivi tecnologici previsti ed uso di “imparziale” quando si è in siti produttivi e/o aeroportuali. Stessa cosa quando si è in servizio di antitaccheggio, attendendo l’arrivo delle forze dell’ordine.
  • Sommarie informazioni: è fatto assoluto divieto assumere informazioni su fatti e circostanze legate all’evento capitato, prerogativa che spetta alle FFOO.
  • Uso mezzi di coercizione fisica: solo ed esclusivamente se previste dal regolamento questurile locale.
  • Identificazione: è consentita solo se motivata da fatti e circostanze tali da poter richiedere l’identificazione del soggetto fermato entro proprietà private che non devono essere luoghi aperti al pubblico.
  • Fermo: è consentito il fermo senza mezzi di coercizione in flagranza di reato, oppure frapponendosi fisicamente con il fermato e l’uscita, diverso se si è oggetto di aggressione, per il quale si possono utilizzare mezzi di contenzione alternativa all’uso delle manette.
  • Legittima difesa e stato di necessità: non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé od altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato, né altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionato al pericolo. Questa disposizione non si applica a chi ha un particolare dovere giuridico di esporsi al pericolo.

Luogo pubblico e luogo aperto al pubblico: sono luoghi dove si possono esercitare diverse attività ed a cui si può accedere liberamente, salvo per il fatto che nel secondo vi sono regole date per l’utilizzo dal proprietario.
Queste sono le situazioni che per la maggiore si presentano al lavoratore della vigilanza, al quale consigliamo attenzione e rigorosa applicazione onde evitare spiacevoli episodi, quali denunce e sospensioni dal servizio e non ultimo il licenziamento.

Scarica PDF

Diritto Primario