UGL e CCNL

28 Febbraio 2015 14:27Visto da: 60

L’attuale contratto, in scadenza al prossimo dicembre, è stato firmato e stipulato tra le Associazioni di Categoria e da Cgil, Cisl e UGL ed in un secondo momento con modifiche sull’orario di riposo e flessibilità da UNIV e UIL.

Il basamento contrattuale si reggeva sul “cambio di appalto”, che serviva per mantenere i livelli occupazionali e le professionalità acquisite sulle postazioni, in un periodo di crisi e aperture di Mobilità e Cassa Integrazione, con i Licenziamenti della L.223/91 alle porte, sempre col “fiato sul collo”, come un’ombra dietro l’angolo, della quale spaventa l’incognito, ci sembrò una ottima soluzione anche per equilibrare e calmierare le offerte di mercato.

Purtroppo non fu così, pensammo di tutelare anche quelle Aziende in crisi con l’inserimento del comma 5 art.27, non l’avessimo mai fatto, tutti gli IVP sono andati in crisi, anche chi prendeva appalti senza effettuare i relativi Cambi di Appalto, stava sempre in crisi, Aziende che sprigionavano ricchezze andavano in crisi dalla sera alla mattina, più avevano lavoro, più facevano straordinario (pardon, lavoro di produttività), più stavano in crisi e per giustificarla facevano gare al massimo ribasso; le denunce e le continue segnalazioni fortunatamente (per dovere), stanno portando i loro frutti : interessamento dell’ANAC (Associazione Nazionale Anti corruzione) sulle gare della Vigilanza Privata, interessamento del Ministero dell’Interno sui decreti Attuativi della L.269/10 e l’interessamento delle Prefetture che cominciano a sospendere e revocare le Licenze.

Come O.S. UGL, siamo fiduciosi sul futuro e sull’aspetto dell’imminente figura della G.G. per la quale si sta lavorando alla Sottocommissione degli Affari Generali del Min. dell’Interno, voluta proprio da quest’ultimo per il rispetto dei parametri Europei, il tutto coinciderà con la scadenza del CCNL ed il prossimo rinnovo sarà una bella partita.

Tags:
shared on wplocker.com