Comunicati

9 categorie usuranti: Guardie Giurate dimenticate

L’ufficio stampa ha intervistato il segretario nazionale della Federazione UGL Sicurezza Civile Enrico Doddi. Gli argomenti trattati sono stati molteplici ma abbiamo scelto di concentrare l’attenzione sulle categorie usuranti poiché è evidente che la guardia giurata è sempre meno considerata dalle istituzioni.

Doddi esprime la sua profonda delusione riguardo la decisione di questo governo:

«Sono rimasto molto deluso da quelle che sono le decisioni di questo Governo, un governo che, a mio avviso, non è più legittimato viste le ultime giornate elettorali. Il Movimento 5 Stelle è una razza in via di estinzione e c’è un senso di sdegno palpabile da parte dei cittadini italiani che non vanno più a votare. Se si andasse a votare oggi, i 5 Stelle non avrebbero più tutti quei parlamentari.

Con la scusa del lockdown si è tolta al popolo la libertà, la democrazia sta morendo e si sta entrando in un regime dittatoriale poiché ritengo che si sarebbe potuto votare per formare un governo legittimo, invece reputo che i numeri in Parlamento non rispecchino l’espressione del popolo che è l’unico sovrano in un paese democratico.

Questo governo fa rimpiangere la vecchia politica, composta da Andreotti, Forlani, Craxi ed Almirante, tutti grandi statisti e politici con la P maiuscola.

Da parte di questi nostri governanti non c’è stato un minimo di considerazione né di ringraziamento verso la nostra categoria. In pieno lockdown le guardie giurate sono sempre state messe in difficoltà e nonostante tutto hanno garantito i servizi essenziali quali la consegna di liquidità alle Poste per il pagamento delle pensioni, rifornimento del contante ai bancomat, servizi aeroportuali e, dato ancor più importante, la sicurezza nei presidi ospedalieri. Quando le aziende ordinavano le mascherine, quest’ultime non arrivavano perché la Protezione Civile, tramite Arcuri, le sequestrava; avendone molta carenza, le davano alle strutture che ne avevano più urgenza. A causa di questa difficoltà qualche guardia giurata ha pagato con la propria salute, ed alcuni con la propria vita, lo scotto di mandare avanti comunque questa Nazione.

Il fatto che la politica ci escluda sistematicamente dal lavoro usurante lo trovo aberrante, mi chiedo come possa una guardia giurata andare avanti fino a 70 anni con una pistola al fianco. Sono avvilito da questa classe politica composta da persone che io chiamo “peracottai” che ci escludono da qualsiasi contesto.

Non escludo iniziative quali manifestazioni e scioperi a riguardo poiché non ci dobbiamo arrendere e dobbiamo far valere a gran voce i nostri diritti di lavoratori e cittadini».

Scarica PDF

Nuove categorie usuranti Guardie Giurate dimenticate