Domande & Risposte

Tamponi e mascherine sono detraibili ai fini IRPEF?

Negli ultimi due anni le famiglie italiane hanno dovuto spendere parte del loro bilancio per le mascherine chirurgiche o FFP 2 dato che vigeva l’obbligo di indossarle praticamente ovunque. Un altra spesa non trascurabile, (soprattutto per chi ha deciso di non vaccinarsi) è rappresentata dai tamponi fai da te o comunque effettuati presso le farmacie convenzionate con il SSN.

Nel presentare la dichiarazione dei redditi, si può recuperare il 19% ai fini IRPEF per queste spese? Le mascherine considerate dispositivo medico o di protezione individuale sono quelle a norma UNI EN e sono detraibili a patto che nello scontrino, oltre al codice fiscale del cittadino, ci sia anche il codice di conformità del dispositivo (AD) oppure la marcatura CE.

Anche per i tamponi sarà necessario che nello scontrino ci sia il marchio AD e potranno essere portati in detrazione anche se pagati senza un metodo tracciabile (vale anche per farmaci e mascherine).

Attenzione ad un dettaglio! Le farmacie potrebbero considerare il tampone non come un dispositivo medico bensì come un servizio prestato. In questo caso è necessario che la spesa sia tracciabile.

SCARICA PDF

D&R20 tamponi e mascherine detraibili