Formazione e Normativa

Contribuzione anticipata sulle ferie non godute

Leggendo la busta paga di giugno vi siete accorti che sono stati decurtati dei contributi previdenziali aggiuntivi e non sapete a cosa possano riferirsi?
Leggete solo una sigla (FENG) e non riuscite a dargli un senso? È l’acronimo di Ferie Non Godute.
I giorni di ferie di cui abbiamo diritto ogni anno andrebbero goduti per almeno 2 settimane nel corso dell’anno di maturazione e, per le restanti due settimane, nei 18 mesi successivi all’anno di maturazione.
Ciò significa che entro il 30 giugno 2022 dovranno essere godute le ferie maturate nel 2020.
Invece, quelle eccedenti le 2 settimane maturate nel 2021, andranno godute entro il 30 giugno 2023 .
Se ciò non dovesse succedere, il datore di lavoro sarà obbligato a far pagare i contributi previdenziali sul valore corrispondente alle ferie non godute in scadenza: è una contribuzione anticipata che verrà conguagliata nel momento in cui godremo delle giornate di ferie arretrate.
 
 
Contribuzione Anticipata ferie non godute